Come fare la ceretta a casa

Home » Esteticando » Come fare la ceretta a casa

 

cera su gamba di donna
Come fare la ceretta a casa

 

Se vuoi conoscere tutti i segreti su come fare la ceretta a casa mettiti comoda e leggi attentamente i consigli che seguono. Questa è una delle mie specializzazioni di cui avrai letto sulla pagina di Esteticando.

E’ necessario che prima di iniziare a spiegarti esattamente come bisogna eseguire una ceretta perfetta, tu  assimili alcune nozioni importanti. 

Prima di tutto la pelle va preparata, a prescindere dalla zona da depilare. A questo proposito voglio spiegarti in due parole la differenza tra depilazione ed epilazione.

 

Depilazione: per depilazione si intende la pratica di estirpazione del pelo tramite lamette o rasoi elettrici.

Attraverso questi metodi il pelo viene asportato soltanto raso pelle, automaticamente ricresce velocemente.

Epilazione: per epilazione intendiamo invece quella pratica di eliminazione del pelo grazie alla quale la pelle resta liscia più a lungo. La motivazione è semplice.

Il pelo viene estirpato insieme alla propria radice. L’epilazione può essere effettuata con l’ausilio di macchinari specifici, pinzette, o con la ceretta che può essere di diversi tipi.

 

Come ti dicevo, la cute va preventivamente preparata agli strappi per diversi motivi. E’ molto importante che prima di sottoporsi ad una ceretta, venga fatto un gommage o scrub, possibilmente il giorno prima.

In questo modo la cute sarà ben esfoliata ed eventuali peli incarniti si solleveranno e al momento dello strappo verranno  via esattamente come gli altri.

Per idratare è preferibile apporre una crema adatta al proprio tipo di pelle, ma sempre il giorno prima in seguito allo scrub.

In questo modo il giorno seguente sarai pronta per gli strappi, ti basterà fare una doccia prima di eseguire la ceretta.

Così la cute sarà asciutta, pulita e finalmente può prestarsi alla “depilazione”.

 

Come fare la ceretta a casa: occorrente

Qui di seguito troverai l’occorrente per eseguire la ceretta a casa:

  • barattolo cera;
  • scaldacera;
  • spatola per stendere la cera;
  • rotolo strisce;
  • forbici;
  • olio dopocera o crema dopocera;
  • pasta lenitiva;
  • borotalco;
  • ovatta;
  • trielina.

 

Ti do alcuni piccoli consigli per quanto riguarda la tipologia di cerette. Ce ne sono di tantissimi tipi. Personalmente utilizzo una cera di colore rosa al biossido di titanio e liposolubile, perché la trovo molto delicata e semplice da lavorare. A questo proposito ti lascio il link nel footer della pagina di due cerette al titanio che utilizzo io da anni e con le quali mi trovo benissimo.

Diciamo che il colore della ceretta varia a seconda del tipo di composto chimico di cui è costituita quindi poi è a discrezione di chi la usa. La ceretta da epilazione è liposolubile quando si scioglie a contatto con creme e olii generalmente. Ma esistono anche cerette idrosolubili, i cui eventuali residui vanno via con l’acqua. 

 

Come fare la ceretta a casa: preparazione

Dopo aver letto i paragrafi precedenti, avrai sicuramente capito quanto è importante la preparazione della cute prima di effettuare gli strappi. Se avrai osservato con cura tutti i passaggi, sei pronta per cominciare. Ma ancora una volta ti chiedo di porre attenzione ai passaggi fondamentali da seguire prima di iniziare con la ceretta vera e propria. Prepara lo scaldacera inserendo al suo interno il barattolo di ceretta che hai acquistato. Dopodiché inserisci in una presa idonea l’alimentatore, e porta la manopola alla massima temperatura. Questo ti permetterà di far sciogliere il prodotto nel minor tempo possibile. Trascorso qualche minuto, inserisci la spatola all’interno del barattolo e controlla che la cera stia fondendo. Ripeti questa operazione di tanto in tanto, facendo attenzione che il prodotto non diventi esageratamente liquido, altrimenti si rischiano scottature. Per mantenerla alla temperatura ideale, basterà controllare con la spatola a tua disposizione.

Il giusto punto di fusione si ha nel momento in cui la ceretta può essere facilmente sollevata con la spatolina, ma fai attenzione che non coli velocemente altrimenti vuol dire che è troppo calda.

Ti ho consigliato di procurarti del borotalco per una ragione ben precisa. Applicarlo prima di stendere la cera può essere utile per eliminare eventuali parti grasse. Ora sei davvero pronta. Mescola ancora una volta il prodotto e assicurati che la temperatura sia quella ideale. 

 

Come fare la ceretta a casa: gambe       

come fare la ceretta a casa
Ceretta gambe

Se hai intenzione di “depilare” le gambe fino al ginocchio ed eventualmente anche le cosce. Ti consiglio di assumere la posizione che ti è maggiormente comoda. Io per esempio da anni trovo che stare in piedi per me è meno faticoso.

Ma le prime volte, per una questione di maggiore comodità credo sia molto meglio mettersi su una parte rigida tipo un tavolo (e fai attenzione che possa sostenerti). Oppure stendi un telo da mare sul pavimento. Se poi possiedi un lettino professionale, meglio ancora.

Lo scaldacera dovrà essere posizionato necessariamente in un punto da te facilmente raggiungibile e soprattutto dove non rischierai di capovolgerlo. Probabilmente starai pensando che sono un tantino esagerata nelle raccomandazioni ma è importante che tu mi segua in tutto ciò che ti dico.

Questo perché se inavvertitamente, a causa di una posizione scorretta, urtassi lo scaldacera, il contenuto si rovescerebbe e credimi eliminare la ceretta da qualsiasi parte che non sia pelle, richiede un lavoraccio!!!

Quindi presta molta attenzione durante questa fase. Passiamo all’esecuzione. Una volta che avrai assunto la posizione adatta, immergi la spatola e distribuisci il prodotto per i suoi due terzi. In pratica la ceretta deve coprire buona parte della spatolina ma non completamente.

In questo caso stiamo parlando delle gambe per cui la superficie da trattare è ampia. Prelevato il prodotto procedi a stenderlo in posizione di taglio e rigorosamente nel senso del pelo sulla zona da trattare.

Non procedere mai ad effettuare dei movimenti di distribuzione contropelo. Applicata la cera, prendi una striscetta che avrai, preventivamente tagliato dal rotolo nella quantità che credi ti sia necessaria, e falla aderire bene sulla zona dove hai steso la ceretta.

Fai attenzione, un’estremità della striscetta ti occorre per tirare quindi non coprirla completamente di prodotto.

A questo punto, proprio dall’estremità della striscetta  esegui uno strappo contropelo tenendo la mano quanto più è possibile vicino alla parte in cui avviene lo strappo. Inizia a strappare sempre dal basso salendo poi verso l’alto.

Mi spiego, in questo caso inizierai dalle caviglie per poi dirigerti verso il ginocchio. Voglio darti un consiglio per far si che tutte le zone siano trattate, senza lasciare peli superflui. Inizia dal basso verso il ginocchio, ma non applicare ancora la ceretta sullo stesso.

Lo farai come passo successivo. Così dividerai la gamba in due parti differenti. Dalla caviglia a sotto al ginocchio e poi procederai col ginocchio stesso.

Una volta depilate queste due zone, e ovviamente stiamo parlando della parte anteriore della gamba, ti dedicherai alla coscia. Anche in questa fase ti consiglio vivamente di suddividere la coscia in tre zone che depilerai separatamente.

Parti dalla zona del quadricipite. Stendi la ceretta dalla parte più vicina all’inguine e dirigiti verso il ginocchio.

Terminata questa parte ti sposterai sull’interno coscia e anche qui partirai dall’alto. Infine toccherà ai peli presenti sulla zona dell’esterno coscia e stesso discorso dall’alto verso il ginocchio. A questo punto tutta la tua gamba anteriore sarà priva di peli.

Ora potrai decidere se passare all’altra gamba oppure terminare questa dedicandoti alla zona posteriore. In tal caso ti raccomando di suddividere in due zone la tua gamba.

Quindi stenderai la cera prima dalla caviglia fino al cavo popliteo e dopo dal cavo popliteo fino alla zona sotto al gluteo. Ricordati che puoi utilizzare la stessa striscetta per diversi strappi, anche se personalmente la uso per non più di due o tre strappi al massimo.

Se durante l’estirpazione, dovessi accorgerti che qualche pelo non è venuto via non sarà necessario stendere nuovamente una grande quantità di prodotto ma basterà applicare poco prodotto e soltanto dove sono presenti i peli.

Tieni presente che ogni pelo  asportato provoca in maniera inevitabile una micro ferita che dovrà necessariamente essere trattata con appositi olii e creme che elimineranno ogni residuo rimasto sulla pelle.

I consigli utili post epilazione che mi sento di darti sono i seguenti:

  • non effettuare bagni o docce troppo calde nelle successive 24 ore;
  • evita di usare saponi aggressivi sulle parti depilate;
  • non spruzzare profumi sulle zone trattate.

 

 

Come fare la ceretta a casa: inguine

pancia di donna con fiori
Ceretta regione inguinale

Quando devi depilare la regione inguinale valgono esattamente le stesse regole applicate per le gambe. Procedi per piccoli strappi, te lo dico perché si tratta di una parte molto delicata e facilmente irritabile.

Prima di stendere la ceretta nel verso del pelo, passa un po’ di borotalco. Meglio effettuare questo passaggio perché trattandosi di una zona soggetta a maggiore sudorazione, la cera potrebbe non aderire.

Stendi la cera, lo ripeto, in piccoli strati sempre rigorosamente nel senso del pelo e poi fai aderire per bene al di sopra la striscia e strappa contropelo. Parti sempre dall’alto per poi dirigerti verso la zona più vicina ai glutei.

Assumi una posizione comoda affinché gli strappi risultino maggiormente agevolati.

Quando avrai terminato, ricordati di stendere una generosa quantità di pasta lenitiva che andrà ad alleviare il rossore, qualora si presenti. Puoi optare anche per dei getti d’acqua fredda direttamente sulle parti depilate.

 

Come fare la ceretta a casa: pancia

addome ragazza
Ceretta pancia

Consiglio di effettuare la ceretta sulla pancia soltanto se davvero necessario. Solitamente questa è una zona ad alta concentrazione di peluria ma non di peli robusti, per questo se proprio devi cerca di passare la ceretta solo sulle parti dove ritieni utile farlo.

Anche in questo caso ti consiglio di procedere per zone e dividendo la pancia in due parti. Più precisamente a metà quindi avrai come punto di riferimento l’ombelico.

La peluria in questa specifica zona converge proprio verso l’ombelico, per cui dovrai prestare attenzione alle solite regole e cioè stendendo la cera nel senso del pelo. Puoi iniziare dal basso ventre per poi salire nella zona sottostante le costole.

Difficilmente la peluria si estende anche più in alto, e non per essere sempre ripetitiva ma, evita di applicare prodotto in punti dove ad occhio nudo i peli non si vedono.

Credo di averti già detto che inevitabilmente i peli crescono ovunque quindi uno strappo meccanico laddove non è contemplato, è sempre meglio evitarlo.

Alla fine del trattamento a tuo piacimento potrai decidere di applicare uno strato sottile di pasta fissan o pasta lenitiva, oppure della crema idratante e rinfrescante. 

 

Come fare la ceretta a casa: braccia

ragazza con braccia scoperte
Ceretta braccia

La procedura per la ceretta sulle braccia prevede, così come per le altre parti del corpo, alcuni accorgimenti. E’ importante che le braccia siano asciutte e pulite prima di cominciare.

Ovviamente nel momento in cui vorrai depilare le braccia, dai un’occhiata anche alla possibile peluria sulle dita delle mani ed eventuali peletti sul dorso delle mani stesse.

Per un risultato ottimale, è preferibile rendere anche le mani perfettamente lisce. Sicuramente è un aspetto che valuterai a seconda se ne avrai bisogno o meno.

So perfettamente che magari proprio tu che stai leggendo, pur facendo la ceretta sulle braccia non necessiti di depilare zone interessate alle mani in quanto non hai peli. Bene. Tanto meglio per te.

E ti consiglio, qualora sia questa l’eventualità, di non passare la cera dove non ce n’è bisogno.

Ok andiamo avanti. Ti spiego come procedere.

Prima di tutto, fai sempre attenzione che la ceretta non sia troppo calda, per evitare scottature. Dopo aver controllato le mani, inizia a depilare dal polso verso l’alto.

Depila prima la parte esterna dell’avambraccio, sempre nel verso del pelo e esegui gli strappi contropelo. Termina poi con la parte interna dell’avambraccio per poi dirigerti sul gomito.

Alla fine ti sposterai sulla parte alta del braccio quindi per capirci nella zona del bicipite senza spingerti troppo verso la spalla.

Forse ancora non te l’ho detto ma il nostro corpo presenta peli e peluria ovunque, tranne sulle zone dei palmi delle mani e zona plantare dei piedi.

Quindi laddove la peluria non è visibile, evita e ripeto evita di stendervi cera! E’ assolutamente inutile e si rischia di rinforzare il pelo e renderlo più vigoroso in fase di ricrescita.

Dopo che avrai finito con un braccio, passa all’altro, eseguendo esattamente gli stessi passaggi. Poi puoi procedere a stendere la crema oppure l’olio dopocera, a seconda di ciò che hai a disposizione.

 

Ceretta alle ascelle

Per quanto riguarda la ceretta alle ascelle ti chiedo la massima attenzione se hai intenzione di effettuarla da sola.

ascella di ragazza
Ceretta ascelle

Il motivo è uno: la zona è davvero delicata, ricca di linfonodi e molto vicina al seno, quindi se dovessi eseguire uno strappo sbagliato rischi di andare incontro ad infiammazione degli stessi con conseguenza di dolore.

Per prima cosa hai bisogno di uno specchio grazie al quale avrai la possibilità di tenere l’operazione sotto controllo. Meglio, quindi, se procedi stando in piedi davanti ad uno specchio.

Le ascelle, proprio come la zona inguinale, sono zone ad alta concentrazione di ghiandole sudoripare. Per questo ti consiglio di usare del borotalco per asciugare le parti.

A questo punto, dopo aver controllato che la temperatura della cera sia perfetta, dividi la zona in due o tre parti. E’ importantissimo che tu ricordi il senso del pelo che, probabilmente, nella zona ascellare non necessariamente sarà tutto uguale.

Quindi assicurati di dividere in parti differenti le zone in base al verso dei peli, in questo modo eseguirai anche piccoli strappi ed eviterai di sentire troppo dolore.

Nel caso delle ascelle ti consiglio, come per l’inguine, pasta fissan oppure qualsiasi altra pasta che sia assolutamente lenitiva, per assicurare che la pelle si calmi.

Te lo ripeto, la zona ascellare è davvero molto delicata. Presta attenzione. 

 

Ceretta ai baffetti: per molte donne una nota dolente

La ceretta ai baffetti è una nota dolente per molte donne.

Il viso è pur sempre una parte esposta e vulnerabile ad ogni agente esterno. Molte ragazze, o donne in generale soffrono un pochino durante la ceretta ai baffetti, nonostante si tratti solo di due semplici e veloci strappi.

Ti spiego in che modo procedere.

bocca di donna
Epilazione viso

Controlla la temperatura del prodotto prima di applicarlo sulla parte superiore delle labbra perché parliamo di una zona assolutamente delicata.

Quando sei certa che la cera abbia la giusta temperatura. Puoi controllarla avvicinando la spatola alla tua bocca, se noti troppo calore agita delicatamente la spatola per raffreddarla. Ricordati di dividere i baffetti in due parti.

Per l’applicazione del prodotto avrai come punto di riferimento la base delle narici del tuo naso. Puoi partire stendendo la cera dal  centro della zona superiore delle labbra (arco di cupido) verso l’esterno della bocca.

Non è necessario spingerti troppo verso la guancia, i baffetti sono circoscritti soltanto nella zona della bocca e non oltre. Effettua lo strappo sempre contropelo.

Terminato un lato passerai all’altro con lo stesso procedimento.

ATTENZIONE A QUELLO CHE STO PER DIRTI.

Nel caso in cui dovesse capitare che in seguito ai due strappi noti che qualche pelo non è venuto via, non azzardare a stendere ulteriore prodotto.

La pelle intorno alle labbra non è spessa come nelle altre parti del nostro corpo. Se stendi altra cera rischi una scottatura, quindi ti consiglio vivamente di asportare i peli superflui con una pinzetta.

Dopodiché passi alla crema rinfrescante per eliminare eventuali residui e apportare un’azione lenitiva sulla pelle.

Se non hai lasciato troppi residui puoi procedere anche a sciacquare la zona con getti di acqua fredda, così l’effetto rinfrescante e di sollievo sarà più immediato.

 

Ceretta alle sopracciglia: meglio evitare

occhi di ragazza
Usa la pinzetta per le sopracciglia

Quando parliamo di ceretta alle sopracciglia, ci accostiamo ad un argomento spesso dibattuto. Si perché direi che le sopracciglia rappresentano una zona particolarmente delicata del viso. Nella pagina dedicata alla pulizia del viso ti spiego qual è il momento giusto per sistemare le sopracciglia.

Personalmente prediligo l’utilizzo di un’ottima pinzetta, evitando di usare la ceretta per l’estirpazione delle sopracciglia.

A scuola di estetica mi è stato insegnato che effettuare di continuo strappi nella zona delle palpebre può favorire il rilassamento delle stesse e accelerare  l’invecchiamento cutaneo della parte interessata.

Piuttosto la cera può essere utilizzata in quella parte chiamata terzo occhio, ossia al centro tra un sopracciglio e l’ altro .

Ceretta: vietato usarla in alcune zone del viso

Ora che hai approfondito tutti i paragrafi su come fare la ceretta a casa, mi sento di darti un ultimo consiglio.

Non azzardare depilazioni sul viso che non riguardino i baffetti o al massimo le sopracciglia. Dico al massimo perché alcune persone non sopportano il dolore/fastidio provocato dalla pinzetta e quindi in via eccezionale si può usare la cera.

Come già sai tutto il nostro corpo è ricoperto da peli e peluria, fatta eccezione delle regioni palmo plantari.

Alcune donne hanno una peluria sul viso eccessiva o maggiormente visibile ad occhio nudo. Bene, queste zone che potrebbero riguardare le guance, la zona delle mascelle, il mento, vanno nella maniera più assoluta trattate con specifici macchinari.

Mi riferisco per fare un esempio a  luce pulsata etc. 

In questi casi specifici è vietato usare la ceretta in tali zone perché si rischia di provocare una moltiplicazione dei bulbi piliferi e un irrobustimento degli stessi.

Gli strappi di una ceretta causerebbero la trasformazione di una semplice peluria in vera e propria barba.

Quindi, per favore, non correre questo rischio e ti prego non utilizzare assolutamente lamette o rasoi del tuo partner!!!!!!

Lasciate che chi ha esperienza e studi alle spalle vi dia i giusti consigli su come affrontare determinati inestetismi.

 

Come pulire scaldacera e spatola

Lo so, le pulizie sono una scocciatura, sempre. Però è necessario mantenere gli strumenti che utilizzi per la ceretta sempre in condizioni di perfetto igiene.

Se hai letto il paragrafo sull’occorrente, avrai sicuramente notato la presenza della trielina.

Questa sostanza è potentissima e oltre a pulire bene lo scaldacera e la spatola che hai utilizzato, farà anche da disinfettante. Mi raccomando utilizzala con grande cautela, è una sostanza tossica quindi se necessario usa appositi guanti ed evita di inalarla.

Dopo aver finito di farti la ceretta, stacca la presa dello scaldacera e assicurati che non scotti prima di metterci le mani.

Una volta raffreddatosi, imbevi un batuffolo con della trielina e passalo laddove è caduta la cera.

Ti raccomando una cosa importante, prendi poco prodotto alla volta per evitare di combinare guai. Anche perché la trielina ha un odore molto forte per cui non esagerare con le quantità.

Dopo aver disinfettato il tutto passa un panno di cotone o un po’ di carta sui tuoi strumenti e riponili ordinatamente nei propri contenitori.

Questi passaggi ti permetteranno di conservarli in uno stato di pulizia e integrità il più a lungo possibile.

 

Quando è più opportuno fare una ceretta

Voglio darti un ultimo consiglio. Ti sarai sicuramente chiesta quale sia il momento migliore del mese per fare la ceretta. In realtà esiste un periodo giusto per l’estirpazione dei peli.

Quel periodo corrisponde esattamente ai giorni di fine ciclo mestruale e a quelli subito seguenti. Si esatto, non è assolutamente sbagliato fare una ceretta durante le mestruazioni.

Questo perché in quei giorni il follicolo pilifero è a riposo per via di un rallentamento della fase ormonale. Ora mi dirai: “Ma io durante il ciclo non sopporto niente di quello che mi sta intorno, figuriamoci gli strappi della cera!”

Mentre sorrido e ti capisco, posso dirti che per chi è maggiormente irritabile consiglio di aspettare che il mestruo sia completamente finito e quindi procedere.

C’è anche da dire che per via di una serie di fattori, la pelle risulta sicuramente più sensibile quindi attendere un paio di giorni va bene lo stesso.

Se sei una temeraria invece procedi pure intorno al terzo giorno e vedrai che la tua pelle si manterrà liscia e setosa più a lungo. 

 

Divertiti e rinasci con una pelle nuova

Ora che hai tutte le informazioni necessarie  su come fare la ceretta a casa puoi finalmente procedere! Ci tengo che tu segua ogni mio singolo consiglio e raccomandazione.

Sono frutto di anni di esperienza. Meglio che certi errori li abbia commessi io, così parti avvantaggiata e più sicura di agire senza fare danni.

Dopo aver fatto la ceretta comodamente a casa tua ti sentirai fresca, pulita e pronta per sfoggiare una pelle morbida, setosa e completamente nuova.